I suggerimenti di Barracuda per uscire dalla disaster zone e proteggere i dati

In occasione della Giornata Mondiale del Backup il prossimo 31 marzo, Barracuda Networks punta i riflettori su backup, protezione dei dati e recovery e fornisce alcuni suggerimenti per uscire dalla disaster zone sostituendo sistemi frammentati con una soluzione di cloud backup consolidata.



“Una strategia ragionata di backup e disaster recovery non dovrebbe passare in secondo piano in tempi di minacce globali, poiché questa rete di sicurezza sostanzialmente invisibile è assolutamente cruciale per garantire la continuità del business in caso di emergenza. In particolare, quando i sistemi di backup sono frammentati, quando cioè due o più sistemi di backup vengono usati in parallelo spesso in luoghi diversi, i sistemi sono suscettibili di errori e difficili da testare”, dichiara Stefan Schachinger, EMEA Consulting System Engineer Data Protection di Barracuda Networks. “Inoltre, in uno scenario di disaster recovery, tali strategie frammentate possono rendere difficile il ripristino dei file in tempi ragionevoli. Le aziende spesso hanno difficoltà a rispettare i target posti in termini di RTO (Recovery Time Objective) e RPO (Recovery Point Objective) e l’assenza di una strategia consolidata ne è certamente una delle cause principali. Le tecnologie di backup e disaster recovery su cloud pubblico offrono alle aziende strumenti di disaster recovery solidi che permettono di ridurre i tempi di ripristino e garantire la disponibilità dei servizi critici. In quanto soluzioni consolidate, sono semplici da testare, garantiscono elevata affidabilità in caso di emergenza e proteggono efficacemente dalla perdita di dati dovuta a disastri o minacce come il ransomware”.

Ripensare ai sistemi di protezione dei dati in uso, valutandone l’affidabilità, resta un aspetto fondamentale sia per le aziende sia per i privati e, per mantenere alto il livello di attenzione, sono spesso sufficienti alcuni semplici passi. Eccoli in dettaglio:
Testare la soluzione attuale di backup, ponendosi domande come ad esempio: funziona? I backup sono aggiornati? Viene fatto il backup di tutti i dati importanti?
Pensare a tutte le possibili cause che comporterebbero una sostanziale perdita di dati (furti, guasti hardware, disastri naturali, attacchi o errori dell’utente) e accertarsi del proprio livello di copertura nel caso in cui questi incidenti dovessero verificarsi;
Parlare con colleghi e amici dell’importanza del backup, aiutandoli a proteggersi;
Nel caso non fosse presente una strategia di protezione dei dati aziendali, seguire questi suggerimenti per crearne una;