Categories
acronis

Steven McChesney Chief Marketing Officer di Acronis

 Acronis ha nominato Steven McChesney Chief Marketing Officer. Con un’esperienza di oltre 30 anni nel marketing per il settore high tech, McChesney ha ricoperto posizioni di leadership presso F5 Networks, Druva e Visio.

Nel suo nuovo ruolo, McChesney aiuterà Acronis a consolidare la rilevanza della cyber protection, concentrandosi al contempo sulla strategia di marketing globale dell’azienda svizzero singaporiana. Attualmente, McChesney si occupa di promuovere la transizione delle attività di business classiche (on premise) al cloud e dell’acquisizione e qualificazione dei service provider. Steven opera sull’onda del successo di Acronis Cyber Protect, la rivoluzionaria soluzione di cyber protection che offre l’integrazione, potenziata dall’intelligenza artificiale, di backup, anti-malware e gestione della sicurezza. Già leader di mercato, il prodotto elimina le lacune nella sicurezza implicate dall’adozione di un mix eterogeneo di soluzioni, e offre ai service provider e ai loro clienti un’interfaccia di gestione unificata per gestire e proteggere i dati.

McChesney ha una comprovata esperienza in ambito di marketing tecnologico, vendite e business development, e di recente ha ricoperto il ruolo di VP Global Marketing per F5 Networks. In precedenza, ha avuto vari incarichi in F5, Druva e Visio. L’esperienza maturata durante i mandati in Midisoft e Egghead Software e la sua capacità di occuparsi di clienti di più organismi costituiscono una solida base per guidare la crescita aziendale in funzione della domanda.

L’esperienza di McChesney, che spazia dal marketing tradizionale a quello digitale e orientato ai partner, migliorerà in modo netto l’efficienza dell’azienda, accelerando ulteriormente la crescita globale in ambito commerciale.

Categories
Crucial

Abbiamo provato 1 TB Crucial X8 portable SSD

Abbiamo avuto la fortuna di provare Crucial X8.
1 terabyte SSD in uno splendido oggetto trasportabile, compatto, maneggevole e resistente.

Non è molto chiaro se considerarlo una speciale chiavetta o un disco esterno.

Da un punto di vista pratico non cambia molto ma pensiamo cambi nelle attese consumatore, o almeno nelle nostre, per quanto riguarda il software a contorno.

Come speciale chiavetta è perfetto. L’alimentazione via usb lo rende comodissimo. Certo non compatto come una chiavetta, non da mettere nella tasca dei pantaloni ma sicuramente resistente e diciamo da taschino.

Inserito in Windows 10 viene visto senza problemi. C’è comunque un software da installare Crucial Storage Executive.

Ho provato a condividerlo tra i pc della mia rete famigliare utilizzando il più recente scatolotto tim ma mentre non ho avuto problemi con una normale chiavetta non sembra riconoscere l’x8.

Considerandolo invece come un disco esterno e paragonandolo con altri dischi esterni mi aspettavo di trovare software più specifici come ad esempio un software che potesse aiutare la gestione di backup e restore, un software magari che fornisse spazio disco cloud di appoggio o almeno si interfacciasse con i principali software cloud di archiviazione.

Concludendo: ottimo l’hardware di questo oggetto che si pone tra un’evoluzione di chiavetta e un disco esterno.
Dal software ci aspettavamo maggiori funzionalità anche se la recente versione 6.04 si sta muovendo nella giusta direzione.

Fabrizio Pivari
storage-backup.com

Categories
Atempo FalconStor Maleva news

Wasabi: accordi internazionali con Atempo e FalconStor

Maleva, VAD Atempo/Wooxo e FalconStor certified reseller, è doppiamente soddisfatta di questi due accordi internazionali con Wasabi.
A volte i propri partner possono cambiare politiche e sovrapporsi, a volte possono allearsi con aziende tra loro in competizione, ma raramente, come in questo caso, due società di rilevanza internazionale come FalconStor e Atempo realizzano accordi con lo stesso Cloud Provider per potenziare le proprie caratteristiche.
Nello specifico FalconStor ha annunciato che la propria VTL, utilizzando le nuove funzionalità di StorSafe, riuscirà a migliorare l’efficienza del backup a lungo termine anche a grazie ai servizi offerti da Wasabi. Lo scopo è riuscire ad ottimizzare sempre più l’Hybrid Cloud aziendale.
Con StorSafe è possibile archiviare i dati deduplicati a lunghissima retention (decine di anni), sia su Cloud che on premise, utilizzando il protocollo S3. In poche parole è possibile utilizzare più Cloud Provider e decidere da quale ripristinare i dati.

In maniera simile Atempo, per quanto riguarda la sua soluzione di migrazione di backup di grandi dimensioni (petascale) Miria, ha annunciato un accordo con il medesimo Cloud Provider nell’ottica di fornire ai propri clienti una soluzione performante a costi minori.

La necessità di spostare i servizi aziendali in parte, o integralmente, nel Cloud è sempre più concreta per la maggior parte delle aziende. Maleva è pronta per guidarle ed assisterle. Le risorse che hanno sempre contraddistinto la qualità del servizio erogato da Maleva sono già pronte per un supporto qualitativo anche in questo nuovo ambito.

Maleva.it
335 8110672
info (@) maleva.it

Categories
Pure Storage

Purity 6.0 per FlashArray

Pure Storage ha presentato Purity 6.0 per FlashArray™, la nuova versione della propria suite software di punta. Pensati e realizzati per le necessità di aziende moderne, questi nuovi data service agili forniscono ai clienti un metodo efficiente per immagazzinare, proteggere, gestire, accedere e mobilizzare i dati mediante modelli di consumo strategici creati su misura per le esigenze di ciascuna organizzazione.

Purity 6.0 semplifica ulteriormente l’infrastruttura moderna grazie ad una soluzione che unifica blocchi e file, progettata per aiutare a risolvere le sfide infrastrutturali come i silos e l’espansione disordinata dello storage – problemi che hanno un impatto sulle aziende moderne di qualsiasi settore. Grazie a una serie di nuovi data service agili, i clienti Pure possono sfruttare immediatamente due nuove importantissime funzionalità: il supporto unificato dei protocolli NFS e SMB, e il disaster recovery attivo basato su una nuova tecnologia di replica continua. Queste funzionalità innovative sono parte del modello di abbonamento Evergreen Storage™ e non richiedono ulteriori licenze né costi di assistenza supplementari, né aggiungono alcuna complessità.

Le nuove funzionalità di Pure che unificano blocchi e file su FlashArray risparmiano ai clienti i problemi e i costi che scaturiscono dal dover gestire due ambienti tra loro incompatibili; in particolare sono state progettate per semplificare le operazioni delle realtà che, ricorrendo principalmente allo storage a blocchi, hanno comunque necessità di utilizzare risorse NAS (Network Attached Storage) separate. La soluzione permette ai clienti di far girare tutti i workload all’interno dell’ambiente operativo Purity, sfruttare il medesimo data layer, la stessa interfaccia utente e lo stesso pool di capacità, e approfittare delle funzionalità di data reduction leader di mercato per cui Pure è apprezzata globalmente.

In maniera simile, la nuova funzione per la replica continua, ActiveDR, aiuta i clienti Pure ad aumentare la propria resilienza senza incorrere nei costi e nelle complessità degli add-on software per il disaster recovery realizzati da terze parti. Questa nuova tecnologia di replica attiva-passiva affronta un importante requisito di business proteggendo le applicazioni critiche con un RPO (Recovery Point Objective) prossimo allo zero. Ora i clienti hanno la possibilità di avvalersi di replica sincrona attiva-attiva con ActiveCluster™, replica asincrona basata su snapshot e replica continua – e tutto sulla medesima piattaforma Purity.

Le aziende con necessità legate a big data o machine learning continueranno ad assegnare i relativi workload a FlashBlade, ma per le altre casistiche di utilizzo e per molte realtà più piccole FlashArray risolve ora tutte le esigenze di data storage.

Purity 6.0 introduce ulteriori miglioramenti, funzionalità e soluzioni che i clienti possono adottare immediatamente, senza alcuna interruzione alla normale operatività, comprese nel proprio abbonamento Evergreen. Le principali novità di questa release comprendono:

• Ulteriori opzioni per il backup in cloud con CloudSnap for Google Cloud Platform: proposta come technical preview, questa funzionalità aggiunge la possibilità di definire come target risorse storage in cloud residenti su Google Cloud Platform, dove le copie snapshot di Pure Storage possono essere replicate – anche grazie alla loro efficienza in termini di occupazione di spazio – a scopo di riutilizzo e conservazione offsite.
• Categorizzazione dei data set per una più facile identificazione grazie a tag di volume pubblici.
• Protezione dei dati e controllo degli accessi mediante autenticazione RSA a due fattori e multifattore.
• Pianificazione efficace dell’espansione della capacità Pure1® con preventivi in un solo click.
• Protezione dei workload critici usando ActiveDR con i seguenti design convalidati:
◦   Workload virtualizzati con supporto ActiveDR per VMware Site Recovery Manager
◦   Applicazioni business critical come Microsoft SQL, Oracle, SAP e MongoDB
◦   Protezione dei dati non strutturati mediante i nuovi servizi file di Purity con le soluzioni di backup Veeam e CommVault.

Categories
news

Micron SSD 2300 e 2210 con prestazioni NVMe client e ottimo rapporto qualità-prezzo

Micron Technology ha presentato nuove unità a stato solido client (SSD) che forniscono prestazioni NVMe™ alle applicazioni client di elaborazione, liberando così computer portatili, workstation e altri dispositivi portatili da architetture legacy, a volte causa di un peggioramento delle prestazioni e della produttività dei dispositivi, nonché dell’aumento del consumo di batteria. Micron® 2300 SSD unisce la potenza e la densità necessarie per applicazioni ad alta elaborazione in un fattore di forma compatto con un consumo energetico ridotto, richiesto dagli attuali utenti di dispositivi mobili. Per la prima volta, Micron riunisce le prestazioni NVMe e i NAND a celle quad-level (QLC) a basso costo nel Micron® 2210 QLC SSD. Combina la veloce capacità di trasmissione NVMe e la leadership di Micron nella tecnologia QLC per offrire funzionalità flash a prezzi simili a quelli dei dischi rigidi, riducendo al contempo il consumo di energia di 15 volte rispetto ai dischi rigidi.2

Entrambi gli SSD presentati oggi si basano sull’innovativa tecnologia NAND 3D a 96 strati, offrendo così risparmio energetico, giusta capacità e fattori di forma compatti che permettono design flessibili.3 Forniscono inoltre funzionalità di sicurezza lato client e capacità di protezione dati migliorate, con supporto TCG Opal 2.0 e TCG Pyrite 2.0.

Micron 2300 NVMe

Micron 2300 SSD è pensato per le applicazioni che richiedono alte prestazioni e capacità leader nel settore nel popolare fattore di forma M.2. Le funzionalità comprendono la possibilità di:

  • Ottimizzare carichi di lavoro ad alta intensità di dati, come CAD, progettazione grafica e video editing, ottenendo tempi di caricamento delle applicazioni più rapidi e una migliore reattività.
  • Offrire un’ampia gamma di punti di capacità, da 256 GB a 2 TB.
  • Adattarsi a svariate esigenze di progettazione desktop e mobile con un fattore di forma M.2, piccolo e compatto (22×80).
  • Raggiungere fino a 3.300 MB/s in lettura sequenziale e fino a 2.700 MB/s in scrittura sequenziale.
Micron 2210 NVMe

Micron 2210 SSD colma il divario tra i dischi rigidi low cost e le prestazioni, l’affidabilità, il consumo energetico ridotto e la sicurezza degli SSD. Utilizza l’architettura QLC, economica e ad alta densità, che Micron ha portato per la prima volta nei data center. Le funzionalità comprendono la possibilità di:

  • Ridurre i tempi di caricamento delle applicazioni e aumentare la reattività con NVMe veloce, rendendolo lo strumento ideale per applicazioni sensibili alle prestazioni, dove i dischi rigidi non riescono a far fronte.
  • Offrire un’ampia gamma di punti di capacità, da 512 GB a 2 TB nel fattore di forma compatto M.2 (22×80).
  • Fornire una cache con maggiore resistenza alla scrittura e migliori prestazioni, con un’innovativa accelerazione dinamica della scrittura ottimizzata per l’architettura QLC.
  • Raggiungere fino a 2.200 MB/s in lettura sequenziale e fino a 1.800 MB/s in scrittura sequenziale.