Quasi un terzo delle imprese non conosce quali dati siano archiviati sui tape legacy

Secondo un recente studio condotto da Kroll Ontrack a livello mondiale su un campione di 720 amministratori IT quando viene chiesto di effettuare il restore di dati da tape legacy per questioni normative, per indagini o contenziosi non tutti i dipartimenti IT riescono a rispondere in maniera veloce e immediata a queste richieste. Il 30% degli intervistati, infatti, non conosce chiaramente quali siano le informazioni memorizzate all’interno degli archivi su nastro. Se si considera poi che questo genere di richieste sono spesso urgenti e legate a specifici obblighi di legge, risulta evidente come queste aziende siano potenzialmente esposte al rischio di azioni legali o di dover pagare delle sanzioni.

Kroll Ontrack rende noti oggi i risultati di un sondaggio condotto a livello mondiale sui processi e le problematiche legate alla gestione e all’archiviazione dei nastri magnetici. Lo studio è stato condotto negli USA, nel Regno Unito, in Germania, Austria, Svizzera, Italia, Polonia, Singapore e Nuova Zelanda e ha raccolto le risposte di 720 specialisti di Information Technology di aziende e provider di servizi del settore IT.

Il risultato dimostra che gli amministratori IT sono regolarmente sotto pressione quando devono accedere, identificare e recuperare dati specifici dagli archivi su nastro che si tratti di una richiesta di supporto ad una ricerca interna che coinvolge dati legacy, di rispondere agli obblighi normativi da parte di agenzie governative e, non da ultimo, per questioni di eDiscovery che riguardano i dati archiviati. Il 30% degli intervistati riceve infatti richieste di restore dei dati ogni giorno, una volta a settimana o almeno una volta al mese e il 32% riceve questo tipo di richieste più volte durante l’anno. Il 22% però conferma di non essere in grado di rispondere alle richieste dell’azienda e di localizzare e accedere ai dati di cui avrebbe bisogno.

Alla domanda su quali siano le difficoltà nell’avere una chiara visione delle informazioni contenute negli archivi su nastro, gli amministratori IT dichiarano quanto segue:

il 43% reputa difficile e dispendioso in termini di tempo accedere ai nastri e visualizzarne i contenuti;
il 24% indica che l’azienda non possiede più l’infrastruttura software o hardware per accedere ai nastri legacy;
il 18% individua la causa nei costi di mantenimento dell’infrastruttura legacy ;
il 7% afferma che i problemi sono legati al danneggiamento dei nastri.

Difficoltà Ulteriori risultati della ricerca evidenziano quanto segue.

Protocolli di backup: circa 2/3 degli intervistati (pari al 62%) archivia i dati quotidianamente, mentre il 38% non lo fa. Il 13%, infatti, effettua il backup dei dati solo una volta al mese o meno, esponendo l’azienda a gravi rischi poiché i dati potrebbero essere persi e non si avrebbe a disposizione nessun backup per recuperarli.
Numero elevato di tape legacy e loro età: Il 34% degli intervistati ha più di 100 nastri legacy all’interno delle proprie aziende, mentre il 12% ne ha più di 500. Inoltre, più della metà degli intervistati, pari al 56%, gestisce nastri che hanno più di 5 anni, mentre il 34% ha nastri con età compresa tra 5 e 10 anni e il 21% possiede dei nastri con più di 10 anni di vita. Nonostante l’età media di un nastro non sia un dato preponderante per i danni ai tape o il rischio di perdita dei dati, di certo gli anni insieme ai numerosi processi di lettura e scrittura delle informazioni, ad una cattiva conservazione e alla mancanza di software e hardware adeguati, possono causare seri danni.