WD PiDrive di terza generazione

wd-pidriveWDLabs ha annunciato oggi i prodotti WD PiDrive Foundation Edition, che abbinano le funzionalità delle schede microSD™ e delle unità USB a quelle di un software per l’installazione di sistemi operativi, allo scopo di offrire agli utenti Raspberry Pi® una soluzione di storage integrata e altamente accessibile, in grado di accelerare il processo di creazione progettuale.

Il nuovo sistema include anche un software personalizzato basato sul sistema operativo Raspbian e NOOBS di Raspberry Pi Foundation e permette di installare molto facilmente i sistemi operativi sull’unità USB. L’elevata capacità del disco consente una funzione esclusiva, chiamata “Project Spaces”, grazie alla quale è possibile installare istanze multiple del sistema operativo centrale definendo spazi indipendenti per la creazione o il supporto progettuale pensati per utenti multipli con spazi di lavoro indipendenti.

 

I prodotti WD PiDrive Foundation Edition sono disponibili in tre versioni: disco rigido da 375 GB, disco rigido da 250 GB e unità flash da 64 GB. I prodotti da 375 GB e 250 GB includono un cavo WD PiDrive che garantisce un funzionamento ottimale del disco rigido e del Raspberry Pi. Tutte le versioni includono una scheda micro SD su cui è già caricato il programma di installazione personalizzato per il sistema operativo NOOBS. È possibile installare Raspbian PIXEL, il sistema operativo ufficiale di Raspberry Pi, direttamente dalla scheda SD (non è necessaria una connessione Internet), oltre a un massimo di cinque spazi progettuali, in base alle capacità disponibili. Raspbian PIXEL, che offre un ambiente desktop familiare, include un web browser e una serie di applicazioni di produttività, di strumenti di programmazione, di giochi e di altre funzionalità tipicamente fornite sui computer desktop. Gli spazi progettuali sono porzioni indipendenti dell’unità su cui è installato Raspbian Lite, un sistema operativo minimale per la creazione di soluzioni efficienti e allo stesso tempo sofisticate mediante una programmazione basata sulla riga di comando.

 

NAS quad-core a 16 bay con due porte SFP+ da 10GbE: TS-1635 di QNAP

QNAP ha annunciato il NAS di fascia business TS-1635 a 16-bay in grado di supportare dodici HDD da 3,5″ e quattro SSD da 2,5″ per la gestione di archivi dati di grandi dimensioni. Il competitivo NAS quad-core TS-1635 è dotato di doppie porte 10GbE e doppie porte Gigabit, in grado di soddisfare le esigenze delle reti di futura generazione, il trasferimento file ad alta velocità e di supportare le aziende di piccole e medie dimensioni nella riduzione dei costi di implementazione di soluzioni 10GbE.

Dotato di processore Annapurna Labs Alpine AL-514 quad-core 1.7 GHz ARM® Cortex®-A15 di Amazon®, TS-1635 supporta RAM DDR3 da 4GB/8GB (espandibile a 16GB) e offre crittografia accelerata hardware in grado di fornire fino a 700 MB/s di throughput. Grazie ai vani da 2,5″ per la cache SSD e alle due porte SFP+ da 10GbE integrate, TS-1635 garantisce velocità fino a 1228 MB/s in lettura e fino a 874 MB/s in scrittura, divenendo la scelta ideale per gli utenti che necessitano di trasferimenti dati ad alta velocità.

Il TS-1635 ad elevata capacità è adatto per varie applicazioni di archiviazione. Con il supporto VJBOD (Virtual JBOD), gli utenti possono sfruttare il TS-1635 per espandere lo spazio di archiviazione di altri QNAP NAS e creare pool di archiviazione virtuali e volumi su dischi virtuali per il funzionamento dei servizi NAS. Per massimizzare lo spazio di archiviazione di TS-1635, gli utenti potranno collegare fino a due alloggiamenti di espansione QNAP (UX-800P / UX-500P). Grazie al notevole potenziale di archiviazione, TS-1635 è particolarmente adatto all’archiviazione dei video di sistemi di sorveglianza. Grazie all’impiego degli 8 canali della videocamera IP gratuiti (espandibili a 40 canali, previo acquisto di altre licenze), gli utenti potranno ottenere un centro professionale di videosorveglianza di rete con VMS (Video Management System) grazie a Surveillance Station disponibile sul TS-1635.

TS-1635 è ideale per le aziende medio-piccole che intendono creare un cloud privato sicuro. Supporta la condivisione di file cross-platform per Windows®, Mac® e Linux/UNIX, risultando un utile archivio centralizzato. Windows AD, i servizi directory LDAP e Windows ACL sono supportati per migliorare l’efficienza di impostazione delle autorizzazioni. Le funzioni di backup, ripristino e sincronizzazione (tramite RTRR, Rsync, FTP o CIFS/SMB) sono anche integrate nell’app Hybrid Backup Sync, consentendo agli utenti di sincronizzare in modo efficiente le attività di backup su altri QNAP NAS, server remoti e cloud storage.

TS-1635 fornisce straordinarie funzionalità software per aumentare la produttività. Container Station fornisce tecnologie di virtualizzazione avanzate e container QIoT per trasformare TS-1635 in una piattaforma cloud IoT privata per un rapido sviluppo di stack IoT. Il motore di ricerca full-text proprietario di QNAP, Qsirch, consente ai file di essere individuati rapidamente e supporta la ricerca attraverso i file .eml archiviati nel NAS. QmailAgent consente agli utenti di gestire a livello centrale più account e-mail dai servizi e-mail e server IMAP più comuni. Qcontactz consente la centralizzazione di informazioni di contatto, fornendo una maggiore organizzazione delle risorse di rete aziendali.

 

Buffalo TeraStation 5010

Buffalo Technology annuncia la disponibilità dei NAS ad alte prestazioni di nuova generazione TeraStation 5010 (TS5010).

Dotate di una porta 10GbE ed equipaggiata con un potente processore quad-core da 1,7 GHz, le nuove TS5010 sono ideali per tutte le aziende che sono alla ricerca di una soluzione in grado di offrire prestazioni eccezionali nel trasferimento di file di grandi dimensioni e nelle operazioni di backup. Questa nuova famiglia di NAS, inoltre, è già compatibile con il recente standard NBASE-T (IEEE 802.3bz) multi-gigabit 2.5/5Gbps e vanta un esclusivo chassis progettato per assicurare un ideale flusso d’aria a tutti i componenti del sistema, garantendo la massima affidabilità a lungo termine.

Grazie alla presenza di 4GB di memoria DDR3 ECC e a un acceleratore RAID, le nuove TS5010 sono in grado di assicurare risposte rapide anche in caso di accessi simultanei da parte di più utenti, mentre il nuovo Duplex System Firmware garantisce la massima protezione da possibili problemi in fase di avvio. Questa tecnologia, infatti, prevede che il software di sistema sia presente sia sugli hard disk, sia sulla mainboard, mettendo definitivamente al riparo dalle problematiche derivanti dal danneggiamento del firmware.

Le nuove TS5010 offrono poi una serie di funzionalità business tra cui si ricordano il supporto alle active directory, disk quota, share level replication, supporto failover e iSCSI.

Principali caratteristiche tecniche della Serie TS5010
– Disponibili in versione a 2 e 4 bay (modelli desktop) e 4 bay rackmount
– Capacità fino a 32 TB
– Processore quad-core Annapurna Labs® Alpine AL3114 a 1.7 GHz
– 4 GB memoria di tipo DDR3 ECC
– 1 x porta 10 GbE e 2 x porte 1 GbE
– Compatibile 2.5/5 Gbps, standard NBASE-T (IEEE 802.3bz)
– 2 x USB 3.0 (desktop), 3 x USB 3.0 (rackmount)
– RAID Accelerator
– 11 licenze NovaBACKUP® Buffalo Edition
– 3 anni di garanzia Buffalo VIP
– WebAccess per accesso libero da remoto

I NAS TS-531X e TS-x31P

QNAP® Systems ha annunciato oggi il lancio di TS-531X e della serie TS-x31P, NAS caratterizzati da processore Annapurna Labs, performance e affidabilità di alto livello e un rapporto qualità-prezzo molto competitivo, per soddisfare pienamente le necessità del mercato SMB.

Nel dettaglio, TS-531X è una soluzione NAS versatile a 5-bay, dotata di due porte SFP+ da 10GbE integrate, ideale per applicazioni che richiedono elevata larghezza di banda, come trasferimento file ad alta velocità, editing video online, archiviazione e virtualizzazione. TS-531X include Container Station, che consente agli utenti di sviluppare e distribuire rapidamente le applicazioni IoT e supporta VJBOD (Virtual JBOD), un metodo economico per espandere la capacità di altri QNAP NAS sfruttando lo spazio di archiviazione inutilizzato. TS-531X è alimentato da un processore Annapurna Labs Alpine AL-341 quad-core da 1.4 GHz e utilizza una RAM DDR3 da 2GB/8GB (espandibile a 16GB). Grazie a due porte da 1GbE, due porte SFP+ da 10GbE integrate e porte SATA 6Gb/s peer HDD e SSD, TS-531X è in grado di raggiungere fino a 1723MB/s di velocità di throughput. Questo modello è caratterizzato anche da un motore di crittografia accelerato hardware e da un supporto cache SSD, che garantisce sicurezza senza influire sulle prestazioni. TS-531X è una soluzione cloud privata protetta per le PMI. Supporta la condivisione di file cross-platform per Windows®, Mac® e Linux/UNIX e Windows AD, i servizi directory LDAP e Windows ACL, per migliorare l’efficienza di impostazione delle autorizzazioni. Le funzioni di backup, ripristino e sincronizzazione (tramite RTRR, Rsync, FTP o CIFS/SMB) sono anche integrate nell’app Hybrid Backup Sync, consentendo agli utenti di sincronizzare in modo efficiente le attività di backup su altri QNAP NAS, server remoti e cloud storage.

La serie TS-x31P, comprendente i modelli TS-131P, TS-231P e TS-431P, è un NAS all-in-one per archiviazione di dati, backup, condivisione e gestione centralizzata, ideale per ambienti domestici e piccoli uffici. Alimentata da un processore Annapurna Labs Alpine AL-212 dual-core da 1.7 GHz, una RAM DDR3 da 1GB, supporto per i dischi rigidi SATA 6Gb/s e per gli SSD, la serie TS-x31P offre prestazioni di trasferimento dati ad alta velocità ed eccellenti performance multitasking con un throughput fino a 225 MB/s. La serie è inoltre dotata di motore di crittografia hardware in grado di fornire velocità di trasferimento superiori a 180 MB/s con una crittografia di volume completa AES 256 bit. Gli utenti possono gestire e condividere a livello centrale foto, musica e video con Photo Station, Music Station, e Video Station. Anche l’accesso remoto e la gestione dei file archiviati sul NAS TS-x31P è estremamente facile con le app mobili di QNAP (Qphoto, Qmusic, Qvideo, Qfile, e Qmanager).

Le due nuove soluzioni NAS QNAP offrono un’ampia gamma di eccellenti applicazioni utili a migliorare la produttività. Container Station fornisce tecnologie di virtualizzazione avanzate e container QIoT per trasformare il NAS in una piattaforma cloud IoT privata per un rapido sviluppo di stack IoT. QmailAgent consente agli utenti di gestire a livello centrale più account e-mail dai servizi e-mail e server IMAP più comuni. Qcontactz consente la centralizzazione di informazioni di contatto, fornendo una maggiore organizzazione delle risorse di rete aziendali. Notes Station consente agli utenti di creare appunti digitali sul loro cloud privato, di collaborare e condividere i contenuti con amici e colleghi. TS-531X supporta anche il motore di ricerca full-text Qsirch, che consente di individuare rapidamente i file e supporta la ricerca attraverso i file .eml archiviati nel NAS. Con TS-x31P, invece, gli utenti possono gestire e condividere a livello centrale foto, musica e video con Photo Station, Music Station, e Video Station e possono inoltre installare Surveillance Station per creare una soluzione di videosorveglianza di rete con 2 canali gratis per la telecamera IP.

 

Sicurezza, potenza e scalabilità per il campus milanese DATA4

Ad un mercato che richiede ai data center una sicurezza di servizio assoluta, DATA4 risponde con un ulteriore investimento di 12 milioni di euro per il proprio campus milanese: l’introduzione di due nuove linee in alta tensione interrate (Enel e Terna) e l’installazione di un dodicesimo gruppo elettrogeno Caterpillar consolidano la tradizionale disponibilità del 100% dei data center dell’azienda, caso unico nel panorama nazionale.

Un recente studio condotto da IDC in Italia conferma come gli investimenti in infrastruttura IT aziendale risultino determinanti per attivare quel processo di trasformazione digitale in grado di rispondere concretamente alle richieste di innovazione e crescita del business.

Non solo. Sempre secondo la società di analisi, già a partire dal 2017, a livello mondiale, il 60% degli asset IT sui quali le aziende si appoggeranno per far girare il business ed erogare servizi sarà gestito in colocation, in hosting o attraverso data center in cloud.

A fronte di queste tendenze, continua a mantenere grande importanza il tema della sicurezza e continuità di servizio. IDC sottolinea infatti come quasi il 96% delle aziende italiane valuti il miglioramento della sicurezza IT da importante a estremamente importante rispetto alle priorità strategiche IT dei prossimi 12 mesi.

Per rispondere in maniera concreta alle richieste del mercato italiano e alle necessità dei propri clienti, DATA4 prosegue il suo piano di investimento nel proprio campus digitale di Cornaredo unico in Italia di questo genere e che ospita data center livello tier IV.

L’intervento più recente, per un importo superiore ai 12 milioni di euro, ha interessato un ulteriore rafforzamento dell’infrastruttura a livello di potenza energetica, grazie all’introduzione di 2 linee in alta tensione interrate, e in materia di sicurezza attraverso l’installazione di un dodicesimo gruppo elettrogeno della potenza di 2 MW.

Nello specifico le due linee in alta tensione da 132 kV, che alimenteranno due trasformatori alta tensione/media tensione ciascuno dei quali caratterizzato da una potenza di 50MW, saranno complementari alle due linee di 15 kV già esistenti che gestiscono una potenza di 10MW.

La presenza di 4 linee di alimentazione rende il campus tecnologico di DATA4 un’eccellenza assoluta in Italia considerando che si può disporre complessivamente di una potenza IT di 60 MW, caso unico nello scenario nazionale. Da sottolineare poi che ciascun data center presente nel sito è equipaggiato con 8 trasformatori MT/BT che garantiscono una ridondanza assoluta poiché ogni coppia di trasformatori può garantire l’alimentazione del 50% dell’edificio.

Per quanto riguarda il nuovo gruppo elettrogeno da 2MW, quest’ultimo sarà installato nel data center 03 del Campus di DATA4, aggiungendosi ai tre già attualmente disponibili. Il risultato è un incremento significativo della sicurezza della continuità operativa, aspetto che rappresenta un ulteriore elemento distintivo di DATA4. Questo aspetto è sancito anche dalla certificazione ANSI TIA 942 livello Tier IV/ Rating 4, che attesta la qualità delle infrastrutture dei data center garantendo un livello di continuità dei servizi (SLA) del 99,999% e una business continuity con una disponibilità del 100%.