DiskStation DS216+, server NAS a 2 baie dalle altissime performance

Synology DS216+
Synology DS216+
Synology ha lanciato DiskStation DS216+, un server NAS a 2 baie dalle altissime performance rivolto a utenti domestici e piccoli uffici alla ricerca di una soluzione di archiviazione efficiente e sicura per proteggere e condividere i propri dati e usufruire di una rapida transcodifica video.

Dotato di un processore Intel® Celeron® N3050 con tecnologia di crittografia Intel® AES New Instructions (Intel® AES-NI), DS216+ offre prestazioni elevate, con velocità in lettura e scrittura superiori a 111 MB/s, garantendo trasmissioni di dati criptate a più di 113 MB/s in lettura e 109 MB/s in scrittura. Inoltre, DS216+ può eseguire rapidamente la transcodifica video da H.264 4K a 1080p, rendendo possibile agli appassionati di alta definizione lo streaming dei propri file multimediali, indipendentemente dalla larghezza di banda o delle potenziali limitazioni dei dispositivi.

Grazie all’implementazione del file system Btrfs, DS216+ offre una protezione avanzata dei dati, consentendo snapshot e ripristino, controlli sull’integrità dei dati, mirroring di metadati, così come controllo delle quote per le cartelle condivise (in aggiunta alle quote esistenti per gli account utente). DS216+ dispone inoltre di dischi con progettazione tool-less sostituibili a caldo, oltre a controlli LED anteriori, che permettono agli utenti di regolare la luminosità dei LED in base alle impostazioni desiderate.

Integrazione di Commvault in Nutanix Acropolis Hypervisor

Commvault e Nutanix annunciano l’integrazione di Commvault in Nutanix Acropolis Hypervisor, incluse le funzionalità di gestione degli snapshop di Commvault IntelliSnap per rendere più semplice la protezione e il recupero dei dati e delle macchine virtuali che adottano la piattaforma Nutanix. Questi miglioramenti rappresentano il più recente risultato della partnership tra le due aziende e consentono ai clienti di rendere l’installazione delle loro infrastrutture in ambienti virtualizzati più prevedibili, scalabili ed efficienti, usando al meglio la flessibilità della piattaforma dati Commvault nel creare SLA personalizzate per il cliente al fine di recuperare e accedere ai dati con maggiore flessibilità.

Aggiungendo il supporto per l’hypervisor Nutanix Acropolis alle capacità già disponibili per VMware vSphere e Microsoft Hyper-V, Commvault avrà l’unica piattaforma di protezione del software in grado di fornire l’integrazione degli snapshot hardware e la protezione agentless su Nutanix per tutti e tre gli hypervisor. Questa integrazione, sfruttando Commvault Intellisnap e la funzionalità di snapshot Nutanix Acropolis Distributed Storage Fabric, dà ai clienti la possibilità di ottimizzare i costi utilizzando l’hypervisor più adatto, riducendo al contempo i rischi e gli sforzi nelle soluzioni scalabili ad alte prestazioni.

Con l’integrazione della propria piattaforma in Nutanix Acropolis Hypervisor, Commvault accresce il suo portfolio di hypervisor di gestione e protezione aggiungendo a VMware vSphere e Microsoft Windows Server 2012 con Hyper-V.

Caratteristiche fondamentali dell’integrazione fra Nutanix e Commvault sono:

• Installazione della soluzione di protezione dati più allineata alle esigenze della applicazioni presenti in azienda, con l’opzione sia dello streaming che del backup basato su snapshot per le macchine virtuali
• Riduzione delle finestre di backup e recuperi accelerati grazie alla semplice gestione degli snapshot senza scripting
• Coerenza assicurata per una grande quantità di applicazioni per l’impresa inclusi SAP, Oracle, Exchange e SQL Server
• Eliminata la necessità di soluzioni multipoint complesse con una soluzione interamente integrata per i dati fisici, virtuali (VMware, Hyper-V, and Acropolis Hypervisors) e basati su cloud.

 

Visualizzazione, scalabilità e gestione termica nella piattaforma Trellis

ENP Trellis 4.0 - New-landing-pageNuove funzionalità e moduli nella piattaforma Trellis che comprendono l’aggiunta del modulo Trellis Thermal System Manager, uno strumento completo di monitoraggio ambientale e di gestione che traccia il profilo termico del data center a livello di dispositivo. Trellis Thermal System Manager offre risparmi di tempo nell’installazione delle apparecchiature, consente una maggiore efficienza di raffreddamento e aiuta a identificare ed eliminare i punti caldi.

Altre nuove funzionalità comprendono:
· Integrazione con il software di gestione Avocent® DSView™ di Emerson Network Power per consentire la gestione remota sicura dell’infrastruttura di data centre.
· Una nuova modalità di visualizzazione 2D/3D per consentire agli utenti locali e remoti di ruotare, zoomare e vedere le apparecchiature a livello di ambiente, rack e dispositivo, e visualizzare la temperatura dell’aria a livello di rack, per migliorare le attività di pianificazione delle capacità e degli utilizzi.
· Miglioramenti dell’interfaccia utente, compresa una landing page molto chiara e facilmente consultabile e una barra di comando universale.
· Rafforzamento della potenza elaborativa di Trellis che riduce sia il rischio di inattività dovuto a squilibri nella fase di alimentazione sia la capacità inutilizzata così da equilibrare i carichi in tutte e tre le fasi.

Trellis Thermal System Manager consente il monitoraggio termico in tempo reale a livello di dispositivo con visualizzazione 3D, compresa la capacità di fare una panoramica e ruotare per capire meglio i profili di temperatura dell’aria. Queste funzionalità possono contribuire a ridurre l’uso dell’energia eliminando sprechi di raffreddamento, assicurare una risposta tempestiva agli eventi termici per evitare inattività e ridurre i costi operativi, aumentando la precisione delle metriche e delle pianificazioni termiche.

L’integrazione della piattaforma Trellis con il software di gestione Avocent DSView consente l’accesso remoto e la gestione dell’inventario simultanei, una funzionalità unica della piattaforma Trellis nell’area del DCIM. Gli utenti possono accedere a funzionalità sicure di gestione e controllo remoto dell’infrastruttura, basate su IP attraverso la piattaforma Trellis, accelerando e semplificando l’accesso da qualsiasi dispositivo IT.

 

TeraStation 5200DSP, NAS NVR con hard disk WD Purple e software Axis

Buffalo TeraStation 5200DSP
Buffalo TeraStation 5200DSP
Buffalo Technology annuncia TeraStation 5200DSP, soluzione in grado di facilitare la creazione di sistemi di videosorveglianza basati su tecnologie Axis e offrire livelli di affidabilità senza eguali.

Equipaggiata con il collaudato processore dual core Intel® Atom™ D2550, 2 GB di memoria DDR3 e 2 unità disco WD Purple già pre-configurate in RAID 1 (mirroring), TeraStation 5200DSP è immediatamente pronta all’uso e, grazie alla presenza di Axis Camera Companion, consente d’implementare complesse infrastrutture per la videosorveglianza in pochi minuti, senza la necessità di particolari competenze tecniche.

In grado di gestire i flussi video in HD a 30 fps provenienti da numerose videocamere contemporaneamente (fino a 16), TeraStation 5200DSP, oltre alla proverbiale affidabilità Buffalo, è stata progettata per offrire il meglio anche in fatto di hard disk. Infatti, questa nuova proposta dell’Azienda giapponese è dotata di serie delle unità WD Purple, soluzioni pensate e ottimizzate per l’utilizzo con NVR, su cui Buffalo offre, in caso di guasti, il servizio di sostituzione gratuita a domicilio in 24 ore.

Grazie alla licenza per la gestione di 16 telecamere Axis e alla scalabilità che da sempre contraddistingue tutti i NAS e NVR della famiglia TerStation, la nuova 5200 DSP è la scelta ideale anche per coloro che desiderano creare un sistema di videosorveglianza destinato a crescere progressivamente e rimanere al passo con i tempi e le sempre crescenti esigenze in fatto di sicurezza di ogni tipo di realtà.

Il freddo russo che fa bene ai data center

Data center russiaIl Data Center di Yaroslav, in Russia, è una struttura che ha ricevuto la certificazione di affidabilità Tier III dall’Uptime Institute. Ad oggi non esistono in tutto il paese più di 10 strutture di questo tipo.
Le fasi costruttive sono iniziate a Dicembre 2012 e si sono concluse a Dicembre 2015, a seguito del rilascio delle autorizzazioni da parte degli enti competenti.

La struttura appare come un complesso di edifici con una superficie totale di 30.000 mq distribuiti su un area di oltre 7 ettari. L’edificio principale lavora con un particolare sistema di free cooling. Il vento colpisce la facciata del data center ed arriva nelle camere di miscela. L’aria raggiunge i condotti, raffredda i circuiti quindi scorre attraverso il data center ed esce dalla struttura, raffreddando la sala server in maniera assolutamente efficiente.

Nonostante le miti estati della città di Yaroslav, il sistema free-cooling è in grado di mantere la temperatura interna desiderata solo per 8 mesi all’anno. I progettisti hanno quindi creato un sistema di climatizzazione secondario, funzionante un mese all’anno e in tutte quelle occasioni in cui la temperatura interna supera di 3,4 gradi la temperatura massima consentita (24 gradi). Il sistema di climatizzazione secondario si basa quindi su 3 chiller FOCS-ME 9604 di Climaveneta che si attivano automaticamente quando il sistema free cooling non è in grado di mantenere la temperatura impostata nella sala server, mantenendo comunque un elevato livello di efficienza per l’intera struttura.