Dispositivi sempre più capienti e veloci, crittografia e nuovi malware hanno influenzato il recupero dati

E’ necessario per imprese e consumatori comprendere come la tecnologia in costante evoluzione condizioni di fatto la capacità di proteggere e recuperare i dati.

Drive a stato solido (SSD) e Flash: decine di produttori diversi, tutti con una propria tecnologia
Il costo delle unità a stato solido e di altri flash device continua a registrare una diminuzione e tende ad allinearsi sempre di più con quelli degli hard disk, tanto che oggi, quasi il 10 per cento dei recuperi di Kroll Ontrack avviene da flash drive e SSD.
Al di là di una maggiore percentuale di recupero da questi supporti, gli ingegneri di Kroll Ontrack hanno a che fare con unità di nuovo formato, come per esempio quelle ibride che contengono componenti tipiche sia degli SSD che di dischi tradizionali. I dispositivi ibridi ottimizzano le operazioni di acceso ai dati, essi memorizzano le informazioni utilizzate più di frequente sui veloci chip di memoria flash mentre salvano quelle a minor accesso sul disco tradizionale, più lento.
“La definizione degli standard relativi alle unità a stato solido e flash è ancora in divenire. Oggi, ogni nuovo formato di drive è specifico per quel determinato produttore che l’ha realizzato, per questo è richiesto lo sviluppo di strumenti e metodologie ad hoc che ha effetto sulla velocità e sulla qualità delle operazioni di recupero” dichiara Paolo Salin, Country Director di Kroll Ontrack Italia.”Se si tiene a mente questo aspetto, eseguire backup regolari diventa ancora più importante. Inoltre, coloro che usano SSD e flash drive dovrebbero scaricare gli utili strumenti software messi a disposizione sul sito web del produttore per ottimizzare e monitorare lo stato di salute del proprio disco”. Continue reading “Dispositivi sempre più capienti e veloci, crittografia e nuovi malware hanno influenzato il recupero dati”

Nuova generazione di tecnologie storage Dell EqualLogic

La nuova generazione di tecnologie storage Dell EqualLogic consente di passare da piccoli ambienti a grandi data center, indirizzando al contempo ogni esigenza storage, anche di classe enterprise, garantendo semplicità di gestione e ottimizzazione per ambienti fortemente virtuali. Queste caratteristiche hanno consentito all’azienda di rimanere leader nel mercato dello storage basato sul protocollo iSCSI da oltre cinque anni, secondo IDC .
• Array Dell EqualLogic serie PS6210 – con sei modelli che includono opzioni all-flash, ibride e all-HDD, i nuovi array offrono un maggiore throughput, prestazioni tre volte maggiori e il quadruplo della memoria rispetto le precedenti generazioni, con un controller di storage più rapido e potente. I nuovi array flash possono supportare oltre il doppio dei desktop virtuali (2,4x) e delle prestazioni dei database OLTP con la metà della latenza degli array della generazione precedente . L’architettura scale-out di queste soluzioni consente alle aziende di ridurre al minimo i colli di bottiglia legati all’I/O e indirizzare il crescente numero di workload con SAN abilitate alla tecnologia flash, che consente di ottenere oltre 1,2 milioni di IOPS con meno di due millisecondi di latenza . Continue reading “Nuova generazione di tecnologie storage Dell EqualLogic”

Lo stato del data center 2013 e il crescente peso dell’IT

2013 state of data center
L’infografica evidenzia che le aziende fanno affidamento sui data center e sono sempre più consapevoli dei rischi e dei costi dei tempi di fermo. Questi costi sono in aumento, +33 percento dalla pubblicazione dell’infografica del 2011 di Emerson e le aziende stanno prendendo provvedimenti per evitarli. Nello stesso periodo le interruzioni totali dell’attività sono diminuite del 20 percento.
L’infografica mostra inoltre che si fa sempre più affidamento sui data center in aree che tradizionalmente non erano online e sottolinea le elevate aspettative di velocità e prestazioni dei consumatori.

Storage-Backup.com

RackStation RS3614xs+ di Synology

Synology ha lanciato RackStation RS3614xs+, una soluzione storage 12-bay pensata per le aziende, che offre performance estreme, ampia scalabilità e ricche funzionalità di ridondanza.
Caratterizzato da una CPU Quad Core™ 3.3 GHz e da slot dual PCIe che supportano fino a quattro connessioni di rete da 10GbE, RS3614xs+ di Synology offre performance straordinarie, con una capacità di trasmissione pari a 3,200 MB/s e 620,000 IOPS in configurazione RAID 5. La soluzione supporta la tecnologia cache Synology SSD per incrementare ulteriormente il throughput in modo efficiente, massimizzando al contempo le dimensioni di storage. Inoltre, è dotato di supporto SATA III 6 Gb/s nativo per liberare tutto il potenziale degli SSD.

Synology RS3614xs+
Synology RS3614xs+
Continue reading “RackStation RS3614xs+ di Synology”

Risolvere l’approccio al data management “teniamo tutto”? Simpana Reference Copy

CommVault annuncia una nuova soluzione di conservazione content-based che consente alle imprese di tenere solo le informazioni importanti per l’azienda e superare il costoso e comune approccio al data management “teniamo tutto”. Grazie a Simpana Reference Copy è possibile ridurre fino al 70% i costi di storage e le esigenze di capacità rispetto agli approcci data retention tradizionali. Le aziende possono organizzare i contenuti, semplificare il processo di discovery per migliorarne l’analisi e prendere decisioni ponderate sul modo in cui vogliono conservarli, rendendo al tempo stesso lo storage cloud di fornitori quali Amazon, Microsoft e Rackspace una realtà grazie alle capacità di classificazione e conservazione più avanzate del mercato.

Le soluzioni legacy che si focalizzano sul backup o che obbligano i clienti ad archiviare dati irrilevanti, senza conformità, evidenza o altro valore organizzativo, aumentano i costi e i rischi complessivi e inibiscono l’adozione del cloud. Le piattaforme di archiviazione tradizionali sono complesse e ostacolano la protezione, la ricerca e il ripristino dei dati in azienda. Gli approcci di data retention di lungo periodo devono essere automatici, flessibili e granulari. Secondo Gartner, la maggior parte delle organizzazioni (62%) ancora non si avvale di tool specifici per capire e prendere decisioni sulla conservazione/gestione dei loro dati non strutturati. L’archiviazione sta iniziando a entrare di più nelle organizzazioni, ma spesso si tratta semplicemente di spostare il problema dallo storage primario a sistemi di archiviazione più economici. Continue reading “Risolvere l’approccio al data management “teniamo tutto”? Simpana Reference Copy”