Eliminare costi e complessità da backup e recovery

Vincenzo Costantino, EMEA South Technical Services Director, Commvault

Il tasso di crescita e diversificazione all’interno degli ambienti di business sta portando a un aumento esplosivo dei dati e alla creazione di data silos, che a loro volta generano problemi legati alla gestione di infrastrutture complesse pur dovendo comprimere costi in espansione. Al tempo stesso, molte aziende si sentono in dovere di migrare applicazioni e dati sul cloud, in linea con i trend attuali. Tuttavia è necessario continuare a garantire sicurezza, accessibilità e funzionalità. Come quindi essere sicuri di prendere le migliori decisioni di backup and recovery per il business, pur continuando a proteggere – e ad abilitare un facile accesso – a tutti i dati nel data centre?

Sono tre le considerazioni chiave da tenere a mente:
1. Valutare le esigenze di business per il backup.
E’ facile giustificare l’adozione – o la sostituzione – di una soluzione di backup. Tuttavia è necessario valutare che cosa significa per il business. Scegliere una soluzione di storage e backup è molto di più che avere un posto per spostare e recuperare i dati; si tratta di capire quali sono i vantaggi per il business. Le imprese devono pensare a esigenze e obiettivi quando valutano l’uso dei dati e, di conseguenza, come archiviarli.

Le imprese oggi fanno molto di più che archiviare i dati. Li usano attivamente, recuperandoli e modificandoli costantemente. Il data storage deve quindi essere più di un backup a lungo termine, ma un vero e proprio sistema di archiviazione che offre altre funzionalità quali data management e classificazione. Nonostante i costi dello storage stiano diminuendo, è sempre dispendioso archiviare dati che non hanno alcun utilizzo. Disporre di funzionalità di data management, archiving e classificazione nella soluzione di backup e recovery garantisce che i dati archiviati non occupino solo spazio, ma siano accessibili, utili e utilizzabili a vantaggio dell’organizzazione.

2. Cercare il valore.
Le soluzioni di backup e storage oggi disponibili sono molte. Il prezzo per Gigabyte (GB) è in diminuzione, ma spesso non c’è alcun valore aggiunto. L’avvento del Cloud offre la possibilità di archiviare, accedere e utilizzare i dati e le aziende possono scegliere il service provider, o più provider, per il backup and recovery, quale infrastruttura acquistare o noleggiare e come pagarla. Hanno l’opzione della flessibilità in termini di data movement e workload portability.

Sono queste – flessibilità, portabilità e agilità – le caratteristiche che aggiungono valore alla soluzione di backup and recovery e, di conseguenza al business.

3. Non optare per soluzioni one-size-fits-all.
Le soluzioni di backup and recovery one-size-fits-all potrebbero sembrare la risposta ideale ma, per avere l’agilità necessaria per gestire la crescita dei dati, è meglio guardare altrove. Le imprese devono pensare in modo intelligente e utilizzare i dati per orchestrare diverse tecniche che soddisfano esigenze differenti nel data centre.

Per semplificare data storage e management, in linea con la loro strategia dati, le imprese dovrebbero scegliere una piattaforma che si focalizza su agilità e integrazione, pur amministrando la crescita con facilità.

Una piattaforma che si basa su metodologie e tecniche per la protezione e la gestione dei dati è efficiente in termini di storing e management, ma anche di tracking, duplicazione e diritti di accesso. Integra le soluzioni soddisfacendo le esigenze degli ambienti e degli obiettivi individuali, oltre ad applicare nuove dimensioni e casi d’uso all’importanza dei dati all’interno dell’azienda, senza richiedere nuova infrastruttura.

In sostanza, le soluzioni di data backup e recovery devono offrire più che un mero archivio di dati. Le imprese devono estrarre il massimo da esse e collaborare con un partner che possa fornsire tale valore, soprattutto oggi in un’economia in cui i dati sono sempre più importanti per avere successo.