Commvault: maggiore flessibilità nel cloud, hypervisor e storage

Nuove opzioni di portabilità dei dati con Commvault
Per fornire ai clienti una maggiore flessibilità nel gestire i dati e i carichi di lavoro nelle infrastrutture tradizionali, virtuali e Cloud, Commvault annuncia la possibilità di proteggere e gestire i carichi di lavoro attraverso una completa gamma di hypervisor. Ad esempio, grazie alla piattaforma dati Commvault, i clienti possono proteggere dati e carichi di lavoro per mezzo di una singola soluzione all’interno di VMWare, HyperV, Zen, Red Hat Enterprise Virtualization (RHEV), e Nutanix Acropolis. Inoltre i carichi di lavoro possono essere protetti mentre si spostano dagli hypervisor a cloud provider pubblici quali Microsoft Azure e Amazon AWS.

Commvault ha anche annunciato innovazioni relativamente alle opzioni di migrazione di dati e carichi di lavoro da soluzioni VMWare and HyperV on premise direttamente verso ambienti Microsoft Azure e ora anche AWS Cloud. Inoltre, la piattaforma dati di Commvault consente nuove opzioni di backup e recupero per i dati generati e residenti all’interno degli ambienti Cloud AWS. La protezione completa del carico di lavoro (supporto nativo di Amazon Machine Image – AMI) e il recupero capillare file per file in ambienti AWS rafforza ulteriormente l’offerta di Commvault che comprendono opzioni di protezione in-guest per tutti gli ambienti Cloud

Ulteriore aperture della piattaforma e nuova opzione di storage Scale-Out
Le recenti aggiunte alla piattaforma dati Commvault comprendono API che consentono a clienti, partner e sviluppatori software di terze parti di accedere alla piattaforma per mezzo di interfacce Amazon Simple Storage Solution (S3), REST, e NFS. Inizialmente lanciata nell’ottobre 2015 come parte della release 11 di Commvault, la piattaforma dati è stata concepita per essere completamente aperta, nativa per tutti i software Commvault e aperta a funzionalità proprietarie di clienti, partner e sviluppatori terzi di applicazioni di storage, indicizzazione, gestione e accesso.

Con questi nuovi aggiornamenti alla piattaforma, Commvault estende le capacità della piattaforma attraverso una serie di nuove interfacce. Estendere la visibilità al di fuori del perimetro dei data center tradizionali consente di abbattere i silos grazie alla ricerca estesa e di indicizzare le applicazioni SaaS, i sistemi di file e i siti Web. I clienti hanno così a disposizione in una vista unica i dati on-premise e off-premise.

Oltre all’accesso attraverso API estese, la piattaforma dati Commvault offre ai client anche un’opzione di storage Scale-Out che gira su qualsiasi commodity hardware per supportare ambienti nell’ordine di grandezza dei petabyte. Questo fornisce ai clienti una nuova opzione a costi contenuti quando prendono in considerazione l’installazione di nuove tecnologie e infrastrutture di grande scala, con il vantaggio aggiuntivo delle best practice di protezione e gestione dati di Commvault. Queste nuove funzionalità sono rese possibili dall’implementazione nel software Commvault di tecnologie Cloud e Web che consentono al repository virtuale della piattaforma di espandersi (Scale-Out) per rispondere alle attuali esigenze di gestione di grandi volumi di dati e di semplificare l’operatività.

Estensione della copertura e del supporto di Commvault IntelliSnap
In questa versione, la piattaforma dati Commvault presenta l’integrazione di IntelliSnap con gli snapshot su hardware NEC e il controllo orchestrato degli snapshot per l’ambiente Nutanix. Commvault IntelliSnap consente ai clienti di eseguire recuperi online rapidi da un’estesa library di snapshot coerenti con le applicazioni. Con questa integrazione, gli utenti fanno uso della tecnologia IntelliSnap per orchestrare la gestione degli snapshot (incluse le operazioni di recupero), avvantaggiandosi al contempo degli snapshot per le copie puntuali nel tempo. Una singola infrastruttura di orchestrazione senza soluzione di continuità consente di rendere più rapido il recupero e più semplice l’amministrazione.

La copertura IntelliSnap e il supporto di NEC e Nutanix va ad aggiungersi alle già disponibili funzionalità IntelliSnap per Pure, Nimble, NetApp, EMC, HDS, Fujitsu, Huawei, HPE, IBM, Dell, Infinidat, DataCore e Oracle, facendo di Commvault uno dei più completi portfolio di replicazione snapshot disponibili sul mercato. Il supporto di Commvault si estende all’intera gamma di infrastrutture tradizionali, flash, convergenti e iper-convergenti.

La tecnologia snapshot è uno dei più rapidi ed efficienti modi per recuperare dati e applicazioni, e i clienti puntano a integrare gli snapshot dei loro partner di storage per rispettare gli SLA relativi al recupero dati. Rispondendo alla domanda di funzionalità estese di gestione degli snapshot, la piattaforma dati di Commvault consente ai clienti di migliorare le prestazioni delle applicazioni e degli ambienti hypervisor.