Aggiornata la Data Platform di Commvault

Le più recenti innovazioni Commvault fanno uso di un’architettura ad API aperte per raggiungere nuovi livelli di apertura, offrendo ai clienti la flessibilità di poter scegliere fornitori infrastrutturali, di piattaforma, di elaborazione e storage. Tra le principali funzionalità presentate oggi ci sono:

La tendenza più rivoluzionaria nel mercato IT oggi è il passaggio al cloud. Forte della sua riconosciuta esperienza nella gestione dei dati nel cloud, Commvault ha annunciato maggiori funzionalità per Amazon Web Services (AWS), in grado di andare oltre le macchine virtuali, a garantire protezione ai database, consentendo ulteriormente alle aziende di implementare strategia di data management realmente olistiche, on premise o nel cloud.

Commvault ha anche annunciato nuove funzionalità di backup, migrazione e data protection per applicazioni e workload nei cloud Oracle e Azure. Questo supporto aggiuntivo sottolinea ulteriormente il ruolo di Commvault come unico fornitore di data protection e management in grado di promuovere una strategia cloud realmente enterprise, con il supporto di oltre 25 cloud pubblici e una varietà crescente di workload cloud-based o cloud specific.

Per rendere più semplice agli utenti configurare, operare e monitorare il proprio ambiente, Commvault ha annunciato una serie di interfacce utente role-specific su HTML-5, tra cui una nuova console per gli amministratori di database e virtualizzazione. Queste nuove console consentono agli utenti di effettuare ampie rappresentazioni grafiche e visuali di KPI, utilizzo, stato di salute del sistema ed altre metriche, e può essere personalizzato sulla base del loro ruolo nell’organizzazione. Queste nuove interfacce utente arricchiscono ulteriormente la console java-based Commvault, solida e testata sul campo, per rispondere meglio alle necessità dei clienti.

Commvault ha anche migliorato le funzionalità di automazione della sua piattaforma, pensando alla pressione senza precedenti che le organizzazioni si trovano ad affrontare per raggiungere agilità e automazione dei processi, creando parallelamente valore dai propri dati. Queste funzionalità rappresentano una funzionalità critica per la Commvault Data Platform – assieme all’indicizzazione dinamica e al singolo repository virtuale – che si estende verso nuovi workload come i big data, semplifica la gestione dei workload, lo storage e l’accesso ai dati.

Le aziende sono in cerca di nuove opzioni per scalare il loro storage riducendo la spesa su soluzioni legacy tradizionali, in particolare per backup, recovery e archiviazione, e per questo necessitano di una piattaforma che sia scalabile e performante, in linea con le loro necessità di business. Commvault migliora la propria piattaforma con funzionalità software defined, che offrono ai clienti livelli di prestazioni e scalabilità paragonabili a quelli di molti ambienti big data e digital repository. In questo modo, Commvault mette i clienti nella condizione di sfruttare nuove soluzioni pensate appositamente per i big data e i workload digitali. Grazie alla Commvault Data Platform e ai nuovi Software Defined Data Service, Commvault permette alle organizzazioni di liberarsi dal vendor lock-in, di abbassare i costi rispetto a un approccio legacy, di raggiungere maggiori agilità e flessibilità e di rendere la propria IT più scalabile e meglio performante.

Le nuove API annunciate a Commvault GO estendono l’apertura della Commvault Data Platfrorm e rafforzano la solida leadership da parte di Commvault nell’integrazione delle sue soluzioni di protezione dei dati con la più ampia varietà di ambienti on promise, virtuali, cloud e distribuiti. Le API della piattaforma offrono ai clienti la possibilità di alternare workload nuovi e tradizionali e trasformarli praticamente su ogni tipo di infrastruttura.

Il mercato del copy data management da sempre si concentra sulla possibilità per gli utenti di raggiungere i propri obiettivi di business, siano essi una maggiore agilità, una superiore velocità di time-to-market o l’acquisizione di nuovi clienti. Storicamente, questo spazio è stato occupato da soluzioni a silo, per specifiche applicazioni IT – con il risultato che i clienti si trovavano ad acquistare array complessi fatti di soluzioni differenti. Con il suo block level copy data management ed il supporto agli array flash storage ed alla replica nel cloud, la piattaforma dati Commvault consente ai clienti di eliminare questo approccio a silo, abbattendo i costi, velocizzando i processi ed eliminando la complessità.

Commvault ha arricchito ulteriormente quello che già era uno degli spettri più ampi del mercato in tema di array storage, piattaforme di virtualizzazione e applicazioni enterprise, annunciando il supporto a livello di replica array-based da parte di IntelliSnap ai moduli flash di Pure Storage. A seguito di ciò, i clienti possono massimizzare il valore degli investimenti effettuati su tecnologia Pure Storage migliorando l’efficienza legata ad acquisizione, trasferimento, mantenimento, ricerca, analisi e ripristino dei dati.