Davide Suppia: Business Development Manager Italia di DATA4

DATA4 ha scelto Davide Suppia come Business Development Manager per il territorio italiano.

Nel proprio ruolo si occuperà di proporre a cloud provider, aziende di servizi digitali e a grandi e medie imprese i vantaggi della piattaforma multiservizi di DATA4 per l’hybrid IT, in grado di favorire un accesso rapido, sicuro e iper-connesso alle risorse informatiche.

Con un’esperienza manageriale di oltre 27 anni nel settore delle telecomunicazioni, Davide Suppia approda al Gruppo francese dopo aver svolto il ruolo di Direttore Vendite in SUPERNAP Italia.

In precedenza, il manager ha curato la strategia di sviluppo del business e la vendita di servizi di rete all’interno della divisione “Network Services” di Colt Italia, dove ha ricoperto ruoli di crescente responsabilità nelle funzioni vendite e marketing.

Nel 2002 ha assunto per Colt Italia il ruolo di City Director di Torino con la responsabilità del nodo Telco e del Data center del capoluogo piemontese.

Nel 1996 ha lavorato in Albacom (oggi BT Italia) occupandosi della start-up della filiale italiana e creando un team di specialisti di vendita dedicato a grandi clienti internazionali.

Entrato in Ericsson come Key Account Manager nel 1991 ha promosso nuove tecnologie multimediali e servizi per clienti strategici.

Davide Suppia ha iniziato la sua carriera nel 1988 in Philips Italia con responsabilità nelle vendite e nella gestione di grandi clienti nel settore industriale, bancario e in ambito Ricerca e Sviluppo per l’area Nord-Ovest del Paese.

Il ransomware non fa più paura: Maleva ci crede! @Sophos @SophosItalia #EOR2017

John Shier, Senior Security Expert, Sophos

Maleva ci segnala: in questo momento si sta svolgendo la convention The end of ransomware di Sophos Italia nello splendido Pavilion Unicredit (architetto Michele De Lucchi) di Milano (nelle vicinanze Bosco Verticale, le torri di Porta Garibaldi, il grattacielo Unicredit, il grattacielo della Provincia, …).
La meravigliosa location è gremita e la presenza Maleva è significativa e nelle prime file.

In questo momento la relazione di John Shier è una speciale musica per le orecchie dei security manager e di tutti i tecnici di security in questo momento presenti.

Il ransomware non fa più paura: Maleva ci crede!

TS-453Bmini, NAS verticale con processore Intel quad-core da 14nm e uscita 4k, da QNAP

QNAP ha presentato il nuovo NAS verticale TS-453Bmini. Alimentato dall’ultimo processore quad-core J3455 Intel® da 14nm da 1.5GHz (fino a 2.3GHz) e caratterizzato da crittografia AES-NI, uscita e transcodifica UHD 4K, TS-453Bmini coniuga un’elegante estetica a elevate prestazioni, sicurezza e servizi intuitivi per fornire eccellenti opzioni di archiviazione dati, backup, condivisione ed entertainment per abitazioni e piccoli uffici.

Grazie alla RAM dual-channel DDR3L da 4GB (espandibile a 8GB), doppie porte LAN Gigabit e SATA 6Gb/s, TS-453Bmini è in grado di gestire velocità di scrittura fino a 225MB/s e di eseguire attività in modo ottimale e veloce con doppia scheda di rete. TS-453Bmini è caratterizzato da crittografia accelerata hardware Intel® AES-NI da 256-bit sia per cartelle condivise che per il volume NAS completo, per fornire velocità di trasferimento fino a 225 MB/s e garantire la sicurezza dei dati senza compromettere le prestazioni. Il potenziale totale di archiviazione di TS-453Bmini può essere esteso fino a 120TB utilizzando un’unità di espansione X-800P a 8 bay (con l’uso di HDD da 10TB).

L’esclusiva serie NAS verticale di QNAP ha ottenuto riscontri favorevoli sul mercato per le sue straordinarie prestazioni, l’aspetto elegante e il design compatto. Grazie alle funzioni intuitive, il raffreddamento silenzioso, i LED regolabili e il design senza attrezzi per l’installazione e l’aggiornamento di dischi rigidi e RAM, è ideale in ambienti di piccole dimensioni, visto l’ingombro ridotto.

TS-453Bmini integra l’ultimo sistema operativo a 64-bit QTS 4.3 e offre numerose applicazioni, rinnovate e potenziate, per aumentare l’efficienza di gestione delle attività e l’uso giornaliero. Container Station supporta varie applicazioni container e fornisce supporto per Container QIoT e applicazioni IoT. Virtualization Station consente agli utenti di eseguire più macchine virtuali basate su Windows®, Linux, UNIX® e Android™. QmailAgent centralizza più account e-mail e ne semplifica la gestione quotidiana. Qcontactz archivia e gestisce centralmente le informazioni di contatto.

TS-453Bmini utilizza anche tecnologie di virtualizzazione avanzate per integrare perfettamente QTS e Linux. Installando Linux Station e collegando una tastiera, un mouse e un display HDMI a TS-453Bmini, sarà possibile usarlo come un PC Ubuntu®. Quest’opzione è utile in particolare per gli sviluppatori IoT. TS-453Bmini supporta anche l’uscita e la transcodifica in tempo reale UHD 4K per fornire un’esperienza multimediale ottimale e di alta qualità su vari dispositivi o laddove la larghezza di banda di rete sia limitata.

Tra le altre funzioni sono inclusi il supporto per VMware®, Citrix® e Microsoft®, per la distribuzione e gestione flessibile degli ambienti di virtualizzazione; la condivisione file su più piattaforme per Windows® e Mac® e il backup su desktop/laptop; i servizi di directory Windows AD, LDAP e Windows ACL per migliorare l’efficienza delle impostazioni di autorizzazione. TS-453Bmini offre anche flessibili soluzioni di backup per Windows e Mac e soluzioni di disaster recovery con la replica remota in tempo reale (RTRR), rsync e il backup di archiviazione su cloud.

 

NetApp SolidFire ridefinisce l’infrastruttura del Data Center

Le soluzioni NetApp SolidFire forniscono un’infrastruttura data center che opera con la flessibilità e la velocità fornita dal cloud. I clienti possono ridurre i costi e la complessità, consolidando in modo sicuro applicazioni mission-critical su un unico sistema storage. Le innovazioni nel software consentono di fornire scalabilità senza interruzioni e prestazioni garantite per ogni applicazione.
I clienti beneficiano anche dell’innovazione nei modelli di licenza di NetApp SolidFire. Il modello FlashForward Capacity Licensing è flessibile, continuativo e prevedibile. I clienti possono acquistare hardware e software separatamente in modo da ottenere ciò di cui hanno bisogno, quando ne hanno bisogno. Le licenze continuative e trasferibili separano il software da aggiornamenti, riutilizzo o consolidamento hardware. Le licenze sono trasferibili e non limitate a particolari hardware, consentendo agli utenti di aggiornare o sostituire l’hardware in qualsiasi momento. Inoltre, sconti basati sull’utilizzo assicurano la diminuzione dei costi su software e supporto con l’aumentare della capacità di provisioning.

Con gli array all-flash SolidFire, i clienti possono adattare, spostare, scalare e trasformare le loro operation molto più rapidamente ed efficientemente, grazie alla sua architettura “shared nothing”. Questo approccio elimina la necessità di creare silos di infrastrutture per ogni carico di lavoro. I singoli nodi all’interno della rete distribuita storage di SolidFire gestisce i dati, la ridondanza e il recupero in maniera self-healing. Le organizzazioni possono automatizzare l’infrastruttura di storage per mantenere costi operativi bassi, fornendo un ambiente ideale per OpenStack, VMware VDI, database, DevOps e le implementazioni dei service provider.

Il data management nel 2017

Il mercato IT sta evolvendo a una velocità senza precedenti. Poiché un data management efficace non è più l’unica preoccupazione dei dipartimenti IT, le opzioni e le alternative d’investimento sono molteplici. Commvault ha stilato alcune considerazioni, sulla base dell’analisi del mercato e delle previsioni per il 2017.
1 – Il software-defined storage esce dal laboratorio ed entra in produzione
Le aziende possono evitare il vendor lock-in, incrementare l’uso del cloud, e implementare molto velocemente nuove applicazioni e servizi.
2 – Il settore dello storage continuerà a trasformarsi
I fornitori di soluzioni puntuali lasceranno il posto ai provider di piattaforme di Data Management
3 – La battaglia per i talenti sarà ancora più aspra
Le aziende cercano sempre più di aumentare la loro capacità di cercare, ingaggiare, motivare e conservare i talenti
4 – Il ransomware sarà ancora più diffuso e prolifico
Per gestire le potenziali minacce, le strategie di data recovery devono avere luogo a livello di decisori di business
5 – I modelli di costo del cloud devono evolvere
A mano a mano che le imprese adottano modelli di infrastruttura ibridi, gli attuali modelli di costo per il trasferimento di dati tra ambienti on-premise e cloud sta diventando insostenibile
6 – La gestione intelligente dei dati non è più un lusso, ma una necessità
Le soluzioni di data management tradizionali non sono più un grado di gestire l’interazione tra data lake, proteggere in modo trasparente i dati e garantire conformità con le normative europee e quelle di data governance