Thecus N2350: NAS 2-bay per la casa

Thecus ha annunciato N2350, versione aggiornata del modello N2310, un file server a 2-bay porta sicurezza di alto livello e connettività semplificata per gli indispensabili dati digitali di utenti casalinghi e professionali.

Il Thecus N2350 è basato su una CPU dual core Marvell Armada 385 a 1,0 GHz ed è equipaggiato con 1 GB di RAM DDR4 resiliente. La DDR4 è l’ultima evoluzione della DRAM: offre prestazioni più elevate grazie a una maggiore velocità e funzioni di controllo più robuste, migliorando l’efficienza energetica con una riduzione dei consumi. Questa nuova versione dell’hardware rende il modello N2350 uno dei NAS più efficienti dal punto di vista energetico della sua categoria, aiutando professionisti e utenti casalinghi a risparmiare sulla bolletta elettrica.

Rispetto al suo predecessore, il nuovo modello sfrutta ThecusOS 7.0, l’ultima versione del sistema operativo Thecus. Questo OS intuitivo e ricco di funzionalità offre significative migliorie in termini di produttività, flessibilità e prestazioni. Tra le nuove funzioni chiave ci sono Photo Center, File Center e Thecus App Center, accompagnate da una vasta gamma di app per i moderni stili di vita digitali, compresa la Surveillance Station.

Il Thecus N2350 offre complete funzionalità per il backup e la protezione dei dati: thin provisioning, replica per il disaster recovery, Backup Remoto o disaster recovery (per backup in tempo reale remoti o eseguiti a livello locale), oltre al backup sul servizio cloud Amazon S3.

Il NAS N2350 offre ulteriori opzioni di connettività tramite due app mobili. Thecus Connect™ consente l’accesso live all’unità NAS, permettendo di tenere sotto controllo le informazioni più aggiornate. Orbweb.me™ è invece un modulo P2P per visualizzare, trasmettere in streaming e gestire facilmente i file memorizzati sul NAS in qualunque
momento e in qualsiasi posto ci si trovi. E per farlo non serve alcun indirizzo IP.

NetApp Partner Executive Forum 2017 a Tallinn

NetApp ha annunciato l’evento annuale Partner Executive Forum, che si terrà a Tallinn, in Estonia, dal 12 al 14 giugno 2017. Come negli anni precedenti, l’evento su invito riunirà i manager di NetApp e i suoi migliori partner dell’area EMEA per discutere della visione di NetApp sul business, oltre a generare un dibattito costruttivo relativo alla strategia di canale e di go-to-market per il Financial Year 2018, che per NetApp ha inizio a maggio 2017.

L’esplosione dei dati nell’economia digitale di oggi ha portato ad un cambiamento fondamentale. L’idea iniziale che voleva utilizzare i dati per gestire l’azienda si è evoluta, riconoscendo che i dati sono il business. Il forum di tre giorni sarà caratterizzato da una serie di opportunità rivolte ai partner, che avranno l’occasione di immergersi in profondità nelle tendenze e le tecnologie che plasmeranno il futuro della gestione dei dati.

Il forum permetterà a NetApp anche di premiare i partner per le loro prestazioni e il supporto offerto. Come negli anni precedenti, i “NetApp EMEA Partner Excellence Awards” premieranno i partner che vanno oltre, dimostrando livelli esemplari di esecuzione.

Data center AFA (All Flash Array) vs HFA (Hybrid Flash Array)

I data center all-flash sono ancora ben distanti dal diventare realtà: secondo IDC, la presenza di flash nei data center corrisponde soltanto a circa il 15% della capacità di storage installata dai principali Clienti mondiali.

INFINIDAT è l’unico fornitore con un sistema storage Enterprise “flash ottimizzato” che supporta più petabyte di capacità utilizzabile in un rack standard 42U (una singola piastrella) e in grado di garantire il migliore TCO disponibile sul mercato unitamente ai più alti risparmi energetici. Per i clienti che desiderano passare a una HFA (Hybrid Flash Array) piuttosto che un AFA, InfiniBox offre convincenti vantaggi nelle prestazioni (con la sua architettura “faster than flash”), affidabilità (un ordine di grandezza superiore rispetto ai migliori AFA), disponibilità (con la sua capacità di sostenere più guasti simultanei senza impatto e di poter perdere fino a 100 dischi senza mai intaccare i dati), scalabilità e densità di memorizzazione a un prezzo interessante. Questi elementi di differenziazione sono significativi per le aziende che vogliono innovare gestendo workload eterogenei con uno storage Enterprise che crea efficienza e garantisce in massima sicurezza prestazioni su larga scala.

Storage differenziato per ottimizzare i servizi all’AOUI Verona

L’Azienda Ospedaliera di Verona è una realtà di riferimento per tutta la regione Veneto ed è riconosciuta quale Centro sanitario di livello nazionale di alta specializzazione per le attività che vengono svolte nei diversi settori della ricerca, dell’assistenza e della formazione. Ha due sedi: l’Ospedale Borgo Trento (OCM) e l’Ospedale Borgo Roma. Nell’azienda sono presenti 93 unità operative, sono circa 60.000 le persone ricoverate in un anno e 23.000 i day hospital annuali, e vengono effettuati annualmente più di 8 milioni di esami con 1 milione e 500 mila referti e 150 milioni di immagini.

Presso le sedi dell’AOUI Verona – una a nord e una a sud della città a una distanza di circa 10 km – sono presenti due data center collegati tra loro tramite fibra: una situazione che ha permesso business continuity e disaster recovery in house.

L’AOUI attualmente dispone di una soluzione in metrocluster FAS3250 abbinata a quella all flash AFF8080 (2 nodi, uno per polo ospedaliero) con una capacità nominale di 10 TB. La tecnologia NetApp, che sfrutta gli IOPS superiori del sistema flash – ovvero la maggiore velocità di accesso ai dati – per fare compressione e deduplica dei dati in maniera trasparente e automatica, consente di dimezzare gli spazi per esempio sui database Oracle.

L’azienda opera nell’ambito della sanità e quindi le componenti legacy – proprietarie – sono tante: software diversi, versioni differenti a volte datate che devono integrarsi tra loro e con altre applicazioni.

Contro i Ransomware o usi Sophos Intercept X o usi ASG Atempo Live Navigator (World Backup Day)

Oggi è la giornata mondiale del Backup (World Backup Day).
La nostra vita è sempre più densa di computer e lo sarà sempre più in ottica IoT.
Ogni persona, non solo a livello personale ma anche aziendale, ha a disposizione portatili, smartphone, tablet.
Però alcuni dati sono allarmanti:
il 30% delle persone non hanno mai fatto un backup.
ogni minuto 113 smartphone vengono persi o rubati (bisognerebbe aggiungere anche quelli che cascano e si rompono).
ogni mese un computer su 10 viene infettato.

Certo, non si può salvare tutto e salvarlo dopo ogni modifica (Live Navigator continuous data protection) ma per speciali computer e/o smartphone si deve!
E’ un modo semplice di difendersi dai recenti tremendi virus Ransomware. Se sei stato attaccato ripristini la situazione di pochi minuti prima.

Ovviamente è impensabile avere Live Navigator in tutti i computer esistenti, in questi casi è indispensabile utilizzare soluzioni anti Ransomware come Sophos Intercept X!

Le competenze Maleva sono al servizio della tua azienda!
www.maleva.it