IBM Storwize: storage all-flash

IBM introduce una nuova serie di servizi storage all-flash di livello enterprise, con prezzi competitivi, progettata per fornire alle piccole e medie imprese, ma anche alle organizzazioni di dimensioni globali, funzionalità di storage primario per cloud o per applicazioni e carichi di lavoro di tipo cognitivo.

Molti imprese stanno adottando uno storage di tipo all-flash per ottenere la velocità e i tempi di risposta necessari a supportare carichi di lavoro sempre più elevati in ambienti cloud pubblici, privati e ibridi, come pure per applicazioni e carichi di lavoro di tipo cognitivo. IBM Storwize V7000F e IBM Storwize 5030F sono array all-flash che soddisfano le esigenze di una vasta gamma di applicazioni, carichi di lavoro e casi d’uso di storage primario, a un prezzo decisamente conveniente.

Realizzate utilizzando il software IBM Spectrum Virtualize, le soluzioni all-flash Storwize permettono di ridurre i costi e la complessità dei data center e degli ambienti cloud. Il software di gestione IBM aumenta l’efficienza di storage con funzionalità quali compressione dei dati in tempo reale, thin provisioning e snapshot di quasi 400 array diversi di storage, provenienti da una vasta gamma di fornitori. IBM Spectrum Virtualize ottimizza anche la sicurezza, l’affidabilità e i costi operativi relativi ai dati. Il software esegue automaticamente la creazione di tier e la migrazione dei dati da un array di storage all’altro, fornisce un elevato livello di sicurezza con la crittografia data-at-rest e replica in remoto i dati per garantire il disaster recovery e la continuità di business.

Inoltre, IBM Storwize V7000F e IBM Storwize 5030F aggiungono disponibilità e funzionalità di livello enterprise allo storage all-flash mid-range ed entry level, offrendo prestazioni più elevate con un minor dispendio di tempo per eseguire il provisioning e ottimizzare i sistemi.

IBM Storwize V7000F offre un miglioramento delle prestazioni che può raggiungere il 45 per cento e supporta un clustering quattro volte superiore per scale-out e scale-up, per aiutare le organizzazioni a gestire il rapido aumento delle quantità di dati.

IBM Storwize 5030F offre elevate prestazioni e disponibilità ad un prezzo iniziale interessante, per aiutare i clienti a tenere sotto controllo i costi. Gli all-flash Storwize V7000F e Storwize V5030F sono concepiti anche per gestire svariati carichi di lavoro di storage primario, dai sistemi di gestione di database, quali SQL Server e MySQL, a media source digitali tra cui broadcast, streaming in tempo reale e videosorveglianza. Questa nuova tecnologia è in grado inoltre di gestire enormi volumi di dati dell’Internet of Things (IoT).

Inoltre IBM ha presentato nuovi modelli della soluzione FlashSystem V9000 che offrono migliori prestazioni e nuove opzioni di tiering.

 

TE 8000 di Rittal: armadio rack universale per il segmento entry-level

te8000 RittalPresentato nel corso dell’edizione 2016 del CeBIT di Hannover, il nuovo armadio TE 8000 di Rittal è utilizzabile come armadio rack universale per il segmento entry-level e consente di realizzare velocemente un ambiente IT con un elevato livello di sicurezza fisica.
Una delle caratteristiche distintive del TE 8000 è la struttura con telaio di montaggio autoportante da 482,6 mm (19″). Le pareti laterali sono facilmente asportabili per consentire il rapido accesso alle apparecchiature installate e facilitare gli interventi di manutenzione on-site. Gli armadi possono essere disposti in batteria per permettere l’ampliamento dell’ambiente IT. L’armadio ha un grado di protezione IP 20, per garantire una protezione efficace contro gli accessi non autorizzati in ambiente d’ufficio.
TE 8000 include una varietà di opzioni per la ventilazione: i clienti possono scegliere porte anteriori o posteriori aerate, ognuna con il 63 per cento di superficie perforata. Inoltre, al centro del tetto dell’armadio è posto un coperchio sollevabile tramite distanziali, che consente una ventilazione naturale o l’integrazione di una unità di ventilazione forzata. L’armadio TE 8000 si presenta esternamente con un design moderno ed elegante. Ad esempio, le porte in vetro sono state ridisegnate e dotate di nuove maniglie.
L’armadio è idoneo all’impiego in tutto il mondo e provvisto di un’ampia gamma di accessori per personalizzare ogni armadio di rete in base alle proprie specifiche esigenze.

Galleria di immagini di Buffalo MiniStation Slim

Buffalo MiniStation Slim è una delle proposte della Multinazionale giapponese di maggior successo nell’ambito dei dischi esterni portatili, grazie anche al suo elegantissimo e robusto case in alluminio. Dal mese di Agosto sarà disponibile pre-formattata per Mac nei tagli da 1 e 2 TB.

Con un peso di soli 140 gr e uno spessore di appena 8,8 mm, la MiniStation Slim può trovare facilmente posto in un piccolo scomparto della borsa o della ventiquattrore, consentendo di avere sempre con sé tutto lo spazio di archiviazione di cui si può avere bisogno.

La tecnologia Flash è necessaria, il costo l’ostacolo all’adozione nell’area EMEA

NetApp ha annunciato oggi i risultati della sua prima ricerca sull’adozione della tecnologia Flash in EMEA. In un sondaggio svolto su 3.000 responsabili IT di Regno Unito, Francia e Germania, il 90 per cento degli intervistati ha riconosciuto la necessità di portare la tecnologia Flash all’interno delle proprie aziende. Tuttavia, nonostante questa necessità, il costo e la mancanza di comprensione dei vantaggi della tecnologia Flash da parte dei responsabili finanziari restano i principali ostacoli all’adozione diffusa nell’area.

Principali risultati del sondaggio
• Nonostante il costo della tecnologia Flash sia in diminuzione, il 40 per cento dei responsabili IT pensa che un investimento sia ancora troppo oneroso. L’apparente barriera del costo è più diffusa tra le piccole imprese nel Regno Unito (32 per cento) e in Germania (46 per cento). In Francia, la percentuale è simile per le aziende di tutte le dimensioni: il 42 per cento dei decisori provenienti da piccole e grandi imprese ha infatti mostrato dubbi per quanto riguarda i costi.
• Il 90 per cento degli intervistati ha ammesso di avere bisogno di soluzioni Flash all’interno delle proprie aziende. I decision maker IT francesi e tedeschi appartenenti a imprese di medie dimensioni sono i più forti sostenitori della tecnologia Flash, con il 94 per cento che si dice d’accordo sul fatto che ‘l’assenza di una specifica necessità relativa a soluzioni Flash’ non è un ostacolo all’adozione di tecnologia Flash. Nel frattempo, nel Regno Unito, il più grande supporto alla tecnologia Flash proviene dalle piccole imprese, con il 92 per cento degli intervistati che dichiarano di non vedere nella mancanza di necessità una barriera all’adozione di soluzioni Flash.
• I responsabili IT hanno rivelato che un responsabile finanziario su cinque (22 per cento) non ha una comprensione dei vantaggi relativi alla tecnologia Flash tale da investirvi risorse. Questa barriera è maggiore nelle imprese di grandi dimensioni, con quasi un quarto degli intervistati che dichiarano che i responsabili finanziari non hanno una conoscenza sufficiente della tecnologia Flash. La questione è più diffusa tra le imprese del Regno Unito (24 per cento) ed è coerente per le aziende di tutte le dimensioni.

LCU DX: raffreddamento IT salvaspazio e sicuro

LCU DX, RittalCon la nuova unità di raffreddamento IT “LCU DX”, Rittal offre una soluzione aggiuntiva nel segmento di potenza fino a 10 kW per il raffreddamento degli armadi server e di rete TS IT. Le precedenti unità erano progettate per il montaggio sul tetto, rilasciando il calore residuo direttamente nel locale. Diversamente, la nuova unità di raffreddamento LCU DX IT funziona con una unità condensante esterna che impedisce al calore e al rumore di raggiungere la sala server. Con questa soluzione, Rittal arricchisce la sua offerta per il raffreddamento IT a bassa potenza. Per potenze frigorifere superiori, Rittal può fornire ad esempio le unità di raffreddamento LCP della serie CW o DX con potenze fino a 50 kW per armadio server.
La soluzione LCU DX consiste di una unità interna, installata nell’armadio IT, dotata di ventilatori EC a regolazione di velocità (motori brushless CC) e di un compressore a inverter installato all’esterno. L’unità interna è montata sul lato di un armadio server TS IT con larghezza 800 mm o in un Micro Data Center. Il sistema di raffreddamento supporta il classico flusso d’aria “front to back” delle installazioni a 19”: l’aria fredda è immessa sul fronte dell’armadio, davanti alle apparecchiature IT, e successivamente aspirata dal retro tramite ventole. L’aria calda viene quindi convogliata allo scambiatore di calore dove viene nuovamente raffreddata.
Utilizzando un compressore a inverter, l’unità di raffreddamento mantiene costante la temperatura dell’aria fredda di mandata ai server con uno scostamento di circa due gradi Kelvin. Il vantaggio: la regolazione continua della potenza frigorifera in funzione della dissipazione di calore nell’armadio ottimizza il consumo di energia per il raffreddamento, così da ridurre i costi operativi. L’utente imposta semplicemente il valore di riferimento della temperatura di mandata ai server tramite un dispositivo di controllo montato nell’armadio IT.
L’unità di raffreddamento LCU DX è disponibile nelle classi di potenza frigorifera utile di 3 e 6,5 kW, in entrambi i casi anche in versione ridondante. Questa soluzione, progettata per garantire il massimo livello di immunità da guasti e ridondanza ha due unità esterne, ed una sola unità interna. L’unità interna comprende uno scambiatore di calore con due circuiti frigoriferi, due alimentatori e due sistemi di regolazione separati. Le funzioni di segnalazione automatica dei guasti e di modifica degli orari di funzionamento aumentano la sicurezza negli ambienti IT con operatività 24/24h. Le eventuali rilevazioni di guasto sono reindirizzate al sistema di monitoraggio Rittal CMC III.

Da professionisti di storage e backup per professionisti di storage e backup