IBM nelle memorie flash al primo posto

Un nuovo rapporto di Gartner indica IBM come il primo fornitore negli array di storage all-flash per il 2014, con la spedizione di un numero di petabyte e unità per l’SSA (Solid-State Arrays) superiore a quello di qualsiasi altro concorrente. Le aziende di tutto il mondo si rivolgono a IBM e alle sue soluzioni di storage flash per un accesso più rapido alle preziose informazioni utili per il business. Solo nel 2014, IBM ha venduto più di 2.100 FlashSystem, per un totale di 62 petabyte (PB) di capacità, il 33 per cento della capacità di PB all-flash totale per l’anno e l’82 per cento in più rispetto al prodotto concorrente più prossimo.

Nello studio “SSDs and Solid-State Arrays Worldwide Report “per il 2014, a cura di Joseph Unsworth e John Monroe, pubblicato il 1° maggio 2015, Gartner ha identificato IBM come fornitore numero uno al mondo negli array a stato solido, in termini di unità spedite e petabyte forniti nel 2014.

Con le nuove soluzioni FlashSystem di IBM, le imprese possono adottare una soluzione di storage di classe enterprise all-flash per meno di 2 dollari per gigabyte di storage effettivo, rendendo i sistemi all-flash equiparabili in termini di prezzo o addirittura più economici rispetto agli array con dischi magnetici ad alte prestazioni di classe enterprise. Di conseguenza, FlashSystem aiuta le aziende a spostare le applicazioni “mission-critical” verso gli array di storage all-flash. Abbassando la barriera del prezzo, FlashSystem sta diffondendosi negli ambienti di storage dei settori ad alta intensità di dati, quali assistenza sanitaria, servizi finanziari e retail. Oltre alla capacità di soddisfare le esigenze delle applicazioni ad alta intensità di dati, le aziende che adottano FlashSystem registrano anche un risparmio significativo dei costi legati al consumo energetico, allo spazio e all’amministrazione dell’IT.

Le aziende italiane non proteggono ancora a sufficienza i dati personali

Kroll Ontrack lancia l’allarme in proposito alla scarsa diffusione, presso le aziende italiane, di strategie adeguate a garantire la protezione dei dati personali e la conformità alle norme privacy.

Sulla base dei dati resi pubblici nelle scorse settimane dal Garante della Privacy, infatti, nel corso del secondo semestre del 2014 sono state ben 385 le ispezioni condotte dalle Unità Speciali della Guardia di Finanza all’interno di enti pubblici e aziende private che si sono concluse con il rilevamento di infrazioni alle norme previste dal D.Lgs. 196/2003 sulla protezione dei dati personali e che, conseguentemente, hanno portato all’applicazione di sanzioni per un importo complessivo di 5 milioni di euro. Nel dettaglio, le multe comminate dall’Autorità hanno subito, nel corso di un solo anno, un aumento del 20%, evidenziando, in particolar modo, la persistenza di reati come la mancata adozione delle misure minime di sicurezza, omessa o carente informativa, uso illecito degli stessi dati personali.

Un esempio su tutti, riguarda l’adozione del nuovo regolamento europeo in materia di privacy denominato General Data Protection Regulation (GDPR) che armonizzerà la tutela dei dati personali tra tutti gli Stati membri dell’UE adeguando la loro protezione alla sfide dell’era digitale e che andrà ad impattare su come oggi le aziende gestiscono i dati dei cittadini residenti nell’UE.

Liebert EconoPhase: innovativo economizzatore a refrigerante

Liebert PDX con EconoPhase
Liebert PDX con EconoPhase
Emerson Network Power annuncia la disponibilità di Liebert® PDX con EconoPhase™ in Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA). I clienti che acquistano unità di condizionamento a espansione diretta della gamma Liebert PDX oggi possono scegliere anche il modulo aggiuntivo Liebert EconoPhase, il primo economizzatore al mondo che utilizza il refrigerante stesso allo stato liquido per il freecooling, rigorosamente testato per quattro anni sul mercato statunitense. Questo nuovo prodotto offre superiori livelli di efficienza del condizionamento per data center e aziende di piccole e medie dimensioni, con notevoli risparmi sui costi.

Il modulo Liebert EconoPhase abbinato a unità Liebert PDX consente una riduzione del consumo energetico tra il 40 e il 50 percento rispetto al modello a espansione diretta più efficiente attualmente disponibile. Il sistema è inoltre in grado di garantire livelli di Power Usage Effectiveness parziale (pPUE) inferiori a 1,1 il che, per un data center da 1 MW, si traduce in un risparmio energetico annuale di circa 200.000 euro rispetto a un livello pPUE di 1,3.

Liebert EconoPhase è l’economizzatore a refrigerante più avanzato del settore e assicura il freecooling senza i costi associati al consumo idrico. Grazie a questa tecnologia, il sistema può commutare in modalità di funzionamento economico quando la temperatura esterna è inferiore a quella all’interno della struttura, chiedendo all’unità di passare dalla modalità compressore a quella economizzatore. Il risultato è un fortissimo abbattimento del consumo energetico, dato che il modulo Liebert EconoPhase usa circa il 10% dell’energia richiesta dal compressore. Quando l’ambiente esterno non è più compatibile con il funzionamento di Liebert EconoPhase, il sistema torna ad essere un tipico sistema a espansione raffreddato ad aria, disattivando il modulo economizzatore.

Il controllo integrato Liebert iCOM™ assicura che l’unità freecooling possa commutare automaticamente e senza problemi tra le due modalità operative. Il controllo intelligente consente al sistema di regolare i modelli del flusso d’aria e di adattarsi rapidamente in funzione dei diversi carichi IT. L’ottimizzazione del funzionamento dei componenti aumenta l’efficienza abbattendo i consumi totali del sistema fino ai livelli più bassi. Inoltre massimizza le ore di freecooling grazie al controllo della transizione automatica all’economizzatore.

Come proteggere i server nel vostro data center? Con un rack!

Climaveneta rack 15 glass
Climaveneta rack 15 glass

CLIMAVENETA RACK è la nuova gamma di rack Climaveneta per l’housing delle apparecchiature IT.

Concepito come soluzione open-frame, il nuovo cabinet combina scelte tecnologiche intelligenti orientate da un lato a garantire la perfetta salvaguardia dei server e dall’altro a semplificare le attività di cablaggio. Il layout progettuale tutto nuovo ne permette inoltre l’adattamento alle installazioni più critiche, dai data center di piccole dimensioni alle grandi applicazioni ad elevato contenuto tecnologico.

Climaveneta rack 15 double
Climaveneta rack 15 double

La struttura portante è caratterizzata da un telaio in lamiera d’acciaio dall’elevata resistenza meccanica che permette di raggiungere un carico statico di 2200 kg. I pannelli laterali e il tetto sono invece stati studiati per essere completamente indipendenti e removibili in pochi secondi così da agevolare gli interventi ai server e il passaggio dei cavi.

Oltre al design curato e essenziale, ulteriore caratteristica distintiva di CLIMAVENETA RACK è la sua elevata versatilità e flessibilità di utilizzo. L’armadio può essere infatti facilmente movimentato in sala grazie all’utilizzo di 4 ruote e 4 piedini completamente regolabili in altezza testati per sostenere fino a 1000 kg di peso per piedino.

Disponibile sia a 42U che 47U e in tre diverse versioni, con porta frontale in vetro o rete metallica e porte posteriori cieche o grigliate, la gamma CLIMAVENETA RACK è compatibile con tutti i principali apparecchi IT da 600 e/o 800 mm di larghezza.

Archos Fusion Storage

Archos Fusion Storage
Archos Fusion Storage
ARCHOS Fusion Storage sarà disponibile attraverso update (OTA). La nuova funzionalità integra la capacità di memoria interna del dispositivo stesso con quella della CARD Micro SD così che gli utenti possano godere di ancora più applicazioni o contenuti. Una funzionalità molto attesa dagli utenti Android
Il team R&D di Archos ha lavorato sui livelli inferiori del sistema operativo di Google e del suo nucleo Kernel.
Questa funzione offre un’opzione di archiviazione necessaria per gli utenti di tablet o smartphone Android e risolve automaticamente il problema di allocazione dello storage tra la memoria interna e la scheda microSD, fornendo maggiore capacità.

Elementi chiave di ARCHOS Fusion Storage
• Il vantaggio principale per l’utente è il significativo aumento di spazio che consente di scaricare più applicazioni e contenuti. Una volta attivato il fusion storage, i dati vengono automaticamente allocali nella memoria interna dello smartphone o del tablet e poi ordinati. I file di applicazione verranno inviati inizialmente alla memoria interna del tablet o smartphone, mentre dati, foto, video e altro ancora saranno indirizzati sulla scheda di memoria. Lo spazio del dispositivo risulta a quel punto maggiore e ottimizzato considerevolmente.
• Un altro vantaggio è la reversibilità del processo di integrazione della memoria interna con la scheda di memoria SD esterna: l’utente può scegliere di tornare alle impostazioni originali in qualsiasi momento.

Da professionisti di storage e backup per professionisti di storage e backup